guttascudo® coppo colpisce subito per il suo gradevole aspetto dando immediatamente la sensazione di una copertura in coppo. Disponibile in 2 diverse colorazioni: rosso ruvido o anticato che donano un aspetto di pregio al tetto. La lastra guttascudo® coppo in un’unica soluzione soddisfa le esigenze delle più moderne coperture e di quelle più prestigiose dal sapore antico.
Informazioni
I vantaggi di sempre
  • Garanzia 15 anni.
  • Totale impermeabilità e resistenza agli agenti atmosferici.
  • Ottimo isolamento acustico.
  • Elevata resistenza agli sbalzi termici.
  • Facilità di taglio.
  • Ottima resistenza agli agenti chimici.
  • Materiale riciclabile.
  • Autoestinguente (classe 1).
  • Dilatazione termica contenuta.
  • Stabilità cromatica.
  • Conducibilità termica molto bassa.
I nuovi vantaggi
  • 5 anni in più di garanzia: da 15 a 20 anni*.
  • * Secondo condizioni di garanzia e se rispettate le istruzioni di posa fornite dall’azienda.
  • 15% di peso in meno.
  • Resistenza all’urto superiore del 35%.
  • Aspetto estetico ancora più gradevole.
Caratteristiche
Coestruso sintetico su tre strati
Colori
rosso ruvido o anticato
Dimensioni
1,840 x 0,98 m
Lunghezza utile
1,770 m
Larghezza utile
0,900 m
Superficie lorda
1,803 m2
Superficie netta
1,442 m2
Passo d’onda
180 mm
Altezza onda
67 mm
Spessore medio
2 mm
Peso medio
4,3 (±5%) kg/m2
Pendenza minima
10 %
Imballo
70 lastre per bancale
Dati tecnici
Applicazione

Consigli di posa

Consigli di posa

La lastra va fissata sulla prima tegola della seconda fila verticale a livello della struttura di sostegno partendo dal lato sinistro. Effettuare il secondo fissaggio in concomitanza del travetto successivo.

Sormontare lateralmente la seconda lastra sulla prima e fissarla sul primo coppo in basso in corrispondenza del sormonto. In questa fase non viene fissata l’ultima fila di coppi in alto.

Procedere nello stesso modo con le lastre successive fino all’ultima, eventualmente adattandola alla larghezza, rifilandola con un disco abrasivo.

Procedere alla copertura della falda opposta con lo stesso sistema di posa allineando le file verticali dei coppi della seconda falda a quelle della prima in modo da permettere il montaggio del colmo.

Terminata la copertura delle due falde sovrapporre il colmo, partendo sempre da sinistra ed effettuare il 1° fissaggio sulla 2° sagoma, lasciando libera la prima. Per non rischiare infiltrazioni al di sotto del colmo, è importante effettuare il fissaggio almeno 10 cm dal bordo inferiore di quest’ultima.

Infine fissare il terminale guttascudo® per il colmo.